Home >> Articoli >> Il caffè della mattina va bene, ma la pancetta non è l’idea migliore

Il caffè della mattina va bene, ma la pancetta non è l’idea migliore

Tazza di caffePer molte persone, la colazione tipica consiste in una tazza di caffè, uova e pancetta. Anche un toast con burro potrebbe fare parte del pasto per alcune persone. Questa colazione è da tempo al centro del dibattito. Il caffè va bene? Possiamo davvero mangiare le uova? Che dire della pancetta e del burro?

Grazie ad un recente studio americano, i migliori esperti di nutrizione hanno concluso che una tazza di caffè al mattino potrebbe effettivamente andare bene. Infatti, lo studio indica che il caffè può essere collegato alla prevenzione di diabete di tipo 2, malattie cardiache e obesità. Lo stesso studio ha anche riscontrato che mangiare un uovo una volta al giorno, non aumenterà il rischio di malattie cardiache.

Però, lo studio mostra anche che si potrebbero desiderare di saltare le ciambelle e la pancetta.

Questa non è l’unica cosa che lo studio ha esaminato. I ricercatori hanno anche cercato un approccio ideale per mangiare, e hanno trovato che l’introduzione di una dieta a base più vegetale è una buona idea. Una dieta a base vegetale con un minimo di zucchero, carni lavorate, e carne rossa è probabilmente la scelta migliore per la maggior parte delle persone.

Questo non significa che devi eliminare la carne rossa – o anche la pancetta – completamente. Tuttavia, si ha realmente bisogno di concentrarsi sulla riduzione della quantità di carne rossa che si consuma e aumentare i cibi a base vegetale che si ingeriscono. Questo non è solo un bene per il corpo; è anche un bene per il nostro pianeta. Una dieta focalizzata sul vegetale è in realtà più sostenibile.

Qual è il modello ottimale di mangiare secondo questo studio basato sul governo degli Stati Uniti? Il comitato di ricercatori ha scoperto che concentrarsi su una vasta gamma di alimenti come cereali integrali; legumi; noci e semi; frutta e verdura; pesce; e prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi è la strada da percorrere. In realtà, questo è molto simile alla dieta mediterranea di cui tutti abbiamo sentito tanto parlare ultimamente.

Quando si tratta di zucchero, la maggior parte delle persone dovrebbe veramente tagliarlo. Si raccomanda che non più del 10 per cento del nostro apporto calorico giornaliero venga dallo zucchero. Gruppi come l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) pensano che invece sarebbe meglio cambiarlo al 5 per cento. Fare attenzione all’assunzione di zucchero può essere difficile. Ci sono un sacco di zuccheri nascosti in alimenti sani come yogurt e succhi di frutta.

Il nocciolo della questione è che dobbiamo concentrarci su un’alimentazione più sana e abbassare la quantità di grassi saturi, cibi elaborati e zuccheri aggiunti che consumiamo su base regolare.